MESSAGGIO AUGURALE DEL PRESIDENTE DEL COMITATO REGIONALE

915

Sta per concludersi un anno particolarmente difficile dove una nuova guerra tra popoli, questa volta occidentali, sta generando non solo la perdita di numerose vite umane, ma anche tanta povertà e difficoltà estreme per una nazione peraltro priva di generi essenziali per la sopravvivenza. Ma questo ultimo anno ha portato anche nel nostro paese una maggiore povertà, difficoltà importanti per tutti; non serve citare chi è stato colpito da questa forte recessione economica, in quanto nessuno può sentirsi escluso dalle sue conseguenze.

Anche il nostro movimento, ovviamente, è appesantito da questa situazione, ma voi tutti state reagendo con grande forza. Avete modificato strategie e ambizioni, avete guardato dentro il problema ed avete modulato obiettivi e azioni tenendo strettamente conto di un particolare momento di difficoltà.

E noi, come voi, abbiamo intrapreso un modus operandi che si adatta alla situazione contingente, senza però disdegnare di intraprendere iniziative volte a migliorare il sistema calcistico delle nostre due Regioni, dal calcio giocato, come la riforma dei Campionati e Tornei di Settore Giovanile e Scolastico, all’attenzione rivolta a veicolare in ogni settore, non solo calcistico ma anche sociale, i veri valori dello sport, ma utilizzando ed enfatizzando il vostro lavoro, i vostri uomini, le vostre donne, che quotidianamente agiscono all’interno dei vostri gruppi associativi.

L’anno sportivo che si conclude, ricco di appuntamenti, di progetti, di allenamenti di partite e di tornei, porta con sé una stagione di rilancio e di rinnovamento ma anche di trasformazione del sistema sportivo, oltre ad una maggiore disponibilità all’impegno. Non voglio ripetere il solito e stanco ritornello, il desueto invito al rinnovamento ma, convintamente, credo che le Società calcistiche, per poter continuare a garantire pari impegno, capacità e risultati, debbano poter contare su un ricambio e un apporto nuovo e vigoroso di dirigenti attenti, giovani, aperti al nuovo e al cambiamento, capaci di coniugare i valori fondanti dello sport. Un impegno forte per una strategia che va scritta e condivisa, ma poi attuata e implementata insieme a voi. Per questo serve l’apporto e il contributo di ogni componente del nostro mondo, e delle diverse professionalità e capacità, delle più generose disponibilità a costruire il rinnovamento e ad agevolare la sua realizzazione. Con umiltà e determinazione. Non sono ammesse scuse, è una partita che dobbiamo giocare tutti insieme, senza dimenticare nessuno, con forte responsabilità e senso di appartenenza.

Ma è ormai imminente il Santo Natale, allora occorre soltanto avere cura di porre tra le nostre priorità quotidiane il saper vivere e convivere all’insegna della fratellanza, della pace, della gioia e della serenità.

Concludo con una citazione di Papa Francesco, da lui pronunciata proprio in occasione del Santo Natale: “L’albero di Natale sei tu, quando resisti vigoroso ai venti e alle difficoltà della vita; gli addobbi di Natale sei tu, quando le tue virtù sono i colori che adornano la vita; sei anche la luce di Natale, quando illumini con la tua vita il cammino degli altri con la bontà, la pazienza, l’allegria e la generosità. Gli auguri di Natale sei tu, quando perdoni e ristabilisci la pace anche quando soffri.”

Che sia un Buon Natale ed un Felice Anno Nuovo per tutti voi ed i Vostri cari.

Il Presidente

Mauro Foschia