COMUNICATO STAMPA DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL COMITATO REGIONALE

16580

Si è riunito ieri il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale il quale ha preso atto che il Consiglio Direttivo della LND, atteso l’indirizzo per la ripresa dell’Eccellenza e dei campionati regionali di vertice, compreso il calcio femminile e il calcio a 5 (maschile e femminile), tutti con un collegamento diretto alle competizioni nazionali organizzate dalla Lnd, unico elemento che l’attuale DPCM consente di poter prefigurare lo svolgimento di attività agonistiche, dopo un’ampio e approfondito confronto si è pronunciato in modo unanime per favorire la ripartenza di dette attività.

Conseguentemente il Consiglio Direttivo regionale ha esaminato tutte le opportunità e difficoltà legate a tale provvedimento, stabilendo di approfondire tutte le tematiche attinenti direttamente con le Società appartenenti ai Campionati di Eccellenza maschile e femminile e Calcio a Cinque Serie C1.

Il Consiglio Direttivo regionale ha inoltre ritenuto di ricordare ed evidenziare che con il nuovo Dpcm valido fino al 5 marzo – e la proroga dello stato di emergenza al 30 aprile stabilita dal Governo – prevede la prosecuzione del blocco per l’attività sportiva di contatto anche in zona gialla per tutto il sistema del calcio dilettantistico e giovanile, fatte salve le sedute di allenamento in forma individuale. Uniche eccezioni i campionati di prevalente interesse nazionale, che oltre i professionisti vede per il calcio a 11 della LND, la Serie D, Primavera e Juniores Nazionali.

Ha rilevato, inoltre, che tutti gli organismi della FIGC e della LND devono attenersi alle disposizioni governative, pur auspicando un ritorno alle attività agonistiche in tempi brevi.

L’auspicio è che il Piemonte e la Valle D’Aosta possano entrare presto nella cosiddetta “zona bianca”, che dovrebbe comportare un ritorno ad una semi-normalità con la ripresa delle attività sportive e dei campionati giovanili e dilettantistici regionali e provinciali.

Per i campionati regionali e provinciali, pur ritenendo indispensabile per il sistema e per i tanti giovani che praticano attività sportiva ritornare alle attese attività agonistiche, va considerato che le disposizioni governative vigenti non permettono si derogare dalle linee guida imposte dal governo e quindi anche per la ripresa degli allenamenti di gruppo e la tanto attesa ripresa dei campionati giovanili e dilettantistici bisognerà aspettare che le due Regioni rientrino all’interno della “zona bianca” oppure attendere l’aggiornamento del decreto, che visto anche le difficoltà del governo, andrà ad esaurirsi il 5 marzo.