COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DIRETTIVO COMITATO REGIONALE

3150

Nella giornata di ieri si è tenuta una riunione di Consiglio Direttivo del Comitato Regionale nel corso della quale il Presidente Mossino ha portato a conoscenza che la Lega Nazionale Dilettanti sta affrontando la tematica riguardante i costi del tesseramento dei calciatori sinora sostenuti in proiezione della nuova annata agonistica, parametrando le spese sostenute dalle Società con i mesi di effettivo utilizzo degli atleti/e affinchè vengano individuati i necessari ristori, benefit o abbuoni da riconoscere alle Associate.

Nel merito il Presidente LND Sibilia ha costituito un gruppo di lavoro composto da tre Presidenti di Comitato Regionale, tra cui il Presidente Mossino, dai Revisori dei Conti e professionisti collaboratori LND, con l’intento di produrre una opportuna trattativa con la Compagnia assicurativa a suo tempo contrattualizzata.

Analoga analisi è in corso da parte della LND sui costi di iscrizione che le Società hanno versato nel corso della corrente stagione sportiva, al netto dei contributi erogati dalla LND e dal Comitato Regionale, anche in questo caso per individuare e definire adeguati interventi a salvaguardia e sostegno delle Società aderenti.

In relazione, invece, alle situazioni legate al calcio giocato è stata considerata dal Consiglio Regionale l’eventualità appresa dagli organi di stampa circa l’ipotetico nuovo Decreto Legge che dovrebbe consentire dal 26 aprile p.v. l’inserimento di tutta l’Italia in zona gialla, che permetterebbe di poter determinare l’avvio di attività non agonistiche quali l’organizzazione di Tornei societari.

Relativamente alle attività di settore giovanile e scolastico inerenti alla prossima stagione sportiva, il Consiglio Direttivo ha esaminato alcune dinamiche connesse alla classificazione delle varie categorie, impegnandosi di acquisire dagli Organi superiori necessari riferimenti in relazione alla programmazione della nuova stagione.

Il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale procederà con continui confronti e riunioni riservandosi di attivare ogni forma di comunicazione alle associate attraverso i canali istituzionali.