CIRCOLARE AGGIORNAMENTO DECRETO LEGGE “SOSTEGNO 2021” (versione convertita in legge) e DECRETO LEGGE “SOSTEGNI BIS”

2102

Nella precedente settimana è stata approvata (mercoledì 19 maggio 2021) la legge di conversione del c.d. DL Sostegni (del 19 marzo 2021), i cui contenuti erano stati dettagliati nella mia circolare del 22 marzo 2021 e l’approvazione del c.d. DL sostegni BIS

Di seguito le novità (ovvero le integrazioni) che hanno interessato il DL nel suo percorso di conversione in legge.

ESENZIONE VERSAMENTO PRIMA RATA IMU:    Per l’anno 2021 non è dovuta la prima rata IMU relativa agli immobili (non residenziali) posseduti dai soggetti passivi per i quali ricorrono le condizioni di cui all’articolo 1, commi da 1 a 4, dello stesso decreto (ovvero che presentano i requisiti per poter beneficiare del contributo a fondo perduto).
L’esenzione si applica solo agli immobili nei quali i soggetti passivi esercitano le attività di cui sono anche gestori.

FONDO A SOSTEGNO DELLE ASD/SSD:     Viene incrementata di 50 milioni di euro la dotazione del Fondo unico per il sostegno delle associazioni e società sportive dilettantistiche. Con apposito decreto, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione (ovvero mercoledì 19 maggio 2021) sono individuati le modalità e i termini di presentazione delle richieste di erogazione dei contributi.

Nota: il contributo è simile a quello erogato dalla Presidenza del Consiglio – Ufficio sport nel mese di luglio 2020 e poi riproposto nel mese di novembre 2020.

MISURE PER LE ATTIVITA’ SPORTIVE:     La sospensione delle attività sportive determinata dalle disposizioni emergenziali si qualifica come sopravvenuta impossibilità della prestazione in relazione ai contratti di abbonamento per l’accesso ai servizi offerti da palestre, piscine e impianti sportivi.

Pertanto, i soggetti che offrono servizi sportivi possono riconoscere agli utenti:

– il rimborso del prezzo,

– lo svolgimento delle attività con modalità a distanza quando realizzabili,

– un voucher di valore pari al credito vantato utilizzabile entro sei mesi dalla fine dello stato di emergenza nazionale.

A tal proposito riporto un link di approfondimento:

https://www.fiscosport.it/postfiscosport/in-evidenza/il-nuovo-voucher-e-legge/

DECRETO LEGGE “SOSTEGNI BIS” (approvato nel Consiglio dei Ministri di giovedì 20 maggio 2021)

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO (articolo 1)   È previsto un nuovo contributo a fondo perduto per le realtà maggiormente colpite dal COVID 19.

La struttura del contributo è più articolata delle precedenti, infatti sono previste tre componenti:

  • la replica del precedente intervento previsto dal primo decreto “sostegni”, con un contributo a fondo perduto per le partite IVA con determinate classi di ricavi, che abbiamo subito un calo del fatturato di almeno il 30 per cento tra il 2019 e il 2020. Il contributo sarà quindi pari al 100% del contributo già ottenuto;
  • una seconda componente basata sul calo medio mensile del fatturato nel periodo compreso tra il primo aprile 2020 e il 31 marzo 2021 (quindi su un periodo diverso rispetto al punto precedente);
  • la terza componente avrà una finalità perequativa e si concentrerà sui risultati economici dei contribuenti, anziché sul fatturato. Il contributo verrà assegnato sulla base del peggioramento del risultato economico d’esercizio e terrà conto dei ristori e sostegni già percepiti nel 2020 e nel 2021.

Per quanto riguarda quest’ultima componente, si dovrà attendere un decreto con le istruzioni, modalità e percentuali.

CREDITO DI IMPOSTA PER LE LOCAZIONI (articolo 4)   Viene riconosciuto il credito d’imposta locazioni (secondo modalità molto simili a quelle proposte nell’anno 2020) per il periodo da gennaio 2021 a maggio 2021 ai soggetti locatari esercenti attività economica, a condizione che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo compreso tra il 1° aprile 2020 e il 31 marzo 2021 sia inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo compreso tra il 1° aprile 2019 e il 31 marzo 2020.

Il credito d’imposta è pari al 60% del canone di affitto pagato, del 30% in caso di affitto di ramo d’azienda.

Il credito di imposta potrà essere usato in compensazione (tramite F24).

CREDITO DI IMPOSTA SPESA SANIFICAZIONE (articolo 32)   Credito di imposta (simile a quanto già previsto nel 2020) nella misura del 30% delle spese per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, comprese le spese per la somministrazione di tamponi per Covid-19. che si sosterranno nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021 (limite massimo Euro 60 mila a contribuente).

Sono ammissibili al credito d’imposta le spese sostenute per:

  1. la sanificazione degli ambienti nei quali è esercitata l’attività lavorativa e istituzionale e degli strumenti utilizzati nell’ambito di tali attività;
  2. la somministrazione di tamponi a coloro che prestano la propria opera nell’ambito delle attività lavorative e istituzionali;
  3. l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea;
  4. l’acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti;
  5. l’acquisto di dispositivi di sicurezza diversi da quelli di cui alla lettera c), quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea, ivi incluse le eventuali spese di installazione;
  6. l’acquisto di dispositivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione.

MORATORIA SUI PRESTITI   È prorogata al 31 dicembre 2021 la moratoria sui prestiti, applicata alla quota capitale delle esposizioni oggetto di moratoria, e sono prolungati e rimodulati gli strumenti di garanzia emergenziali previsti dal Fondo di Garanzia per le PMI e da Garanzia Italia di SACE.

Chi avesse dei mutui/finanziamenti può chiederlo alla propria banca.

Verificare con la propria banca, nel caso in cui abbiate chiesto finanziamento agevolati COVID 19 nel corso del 2020, eventuali estensioni del piano di ammortamento e/o incremento del finanziamento erogato.

ESENZIONE TARI  E’ prevista l’esenzione della Tari per gli esercizi commerciali e le attività economiche colpite dalla pandemia.

CONTRIBUTO PER IL PAGAMENTO DELLE BOLLETTE ELETTRICHE   È previsto un contributo per il pagamento delle bollette elettriche diverse dagli usi domestici è prorogato fino a luglio 2021.

FONDO PER IL SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE CHIUSE (articolo 2)  È prevista l’istituzione di un Fondo per il sostegno delle attività economiche chiuse, con una dotazione di 100 milioni di euro.

Nota: si dovrà attendere un decreto del MISE che individuai i soggetti beneficiari, importi del contributo e modalità di erogazione.

CONTRIBUTI LAVORATORI SPETTACOLO (articolo 42)  È prevista una nuova indennità una tantum per i lavoratori stagionali, del turismo e dello spettacolo che avevano già beneficiato della stessa misura prevista con il decreto “sostegni”

CONTRIBUTI COLLABORATORI SPORTIVI (articolo 44)   È prevista una nuova indennità una tantum per i collaboratori sportivi che avevano già beneficiato della stessa misura prevista con il decreto “sostegni”.

Il Contributo varia in funzione del compenso sportivo/amministrativo-gestionale maturato nel 2019 e risultante dalla Certificazione Unica rilasciata nel 2020, ovvero:

  • Reddito maggiore Euro 10 mila: contributo Euro 1.600;
  • Reddito compreso tra Euro 4 mila ed Euro 10 mila: contributo Euro 1.070;
  • Reddito inferiore a Euro 4 mila: contributo Euro 540.

Le modalità di fruizione sono le medesime già adottate da SPORT e SALUTE SPA nelle precedenti versioni.

https://www.sportesalute.eu/primo-piano/2527-aggiornamenti-bonus-collaboratori-sportivi-decreto-sostegni.html [link relativo al precedente contributo, per cui verificarne l’aggiornamento]

Nota: sarà cura dei collaboratori sportivi verificare la presenza dei requisiti per poter beneficiare del contributo che dovrebbe essere erogato in automatico a chi ne ha già beneficiato e possiede ancora i requisiti previsti.

MISURE DI SOSTEGNO AL SETTORE SPORTIVO (articolo 10)  Incremento del fondo unico a sostegno delle ASD/SSD di Euro 180 milioni per l’anno 2021.

Nota: il contributo è simile a quello erogato dalla Presidenza del Consiglio – Ufficio sport nel mese di luglio 2020 e poi riproposto nel mese di novembre 2020 e rinnovato nel DL Sostegni.

Credito di imposta del 50% a favore dei soggetti che sponsorizzano le ASD/SSD, nel periodo 1 gennaio 2021-31 dicembre 2021.

Tale norma è un aiuto indiretto al settore sportivo, in quanto la detrazione (e quindi il vantaggio fiscale) è in capo al soggetto che eroga il contributo, ma la ASD/SSD può, a cascata, ottenere più sponsorizzazioni.

Si ricorda che il credito di imposta non è concesso per le spese di sponsorizzazione a favore di ASD/SSD adotta il regime di vantaggio ex Legge 398/1991 (ovvero la maggior parte).

Incremento dei fondi a Favore dell’Istituto del Credito Sportivo per l’erogazione di contributi in conto interessi.

Incremento delle garanzie a favore dell’Istituto del Credito Sportivo per l’erogazione di finanziamenti a favore delle ASD/SSD.