TDR 2018 PERSONAGGIO Edo Artiglia, il veterano del Torneo

661

TORINO – L’anno scorso fu la lotteria dei rigori a far prevalere il Piemonte Valle d’Aosta sulla Sardegna, e la dea bendata portava il nome di Brian Rainero, il giovane portiere classe 1998 che divenne protagonista indiscusso dell’edizione 2017, tanto da conquistare una convocazione in Nazionale Lnd Under 18 e, da agosto, una maglia da titolare in Serie D.

Quest’anno la selezione di Franco Giuliano ha prevalso sui sardi grazie ad una pallina in un’urna, e il talismano è stato il Capo Delegazione della selezione piemontese-valdostana Eudo Giachetti, presente al sorteggio per determinare quale delle due squadre sarebbe passata tra le migliori seconde.

Di quel quarto di finale della scorsa edizione contro la Sardegna, oltre al mister, oggi c’è solo Edoardo Artiglia. L’anno scorso era il “bimbo”, oggi è il veterano. Attaccante classe 1999 de La Biellese, forse ha più convocazioni in Rappresentativa Regionale lui, che Cristiano Ronaldo presenze in Champions League. Tornei delle Regioni ne ha fatti addirittura tre. Ha iniziato nel 2016 con gli Allievi al Torneo delle Regioni in Calabria e con la selezione di Adriano Terroni è arrivato fino ai quarti. Poi l’anno scorso in Trentino dove soltanto la Toscana, poi Campione d’Italia, è riuscita a battere i sabaudi in semifinale.

Anche quest’anno indubbiamente è tra i protagonisti. Partito sempre titolare, ha aperto le marcature nel match decisivo con il Veneto, regalando, con un infaticabile e stoico Tommaso Redi, la qualificazione ai quarti.